Pedicure estetico e pedicure curativo | QUALI SONO LE DIFFERENZE?

È importante prendersi cura dei propri piedi e coccolarli con regolarità e non solo quando è il momento di sfoggiare i propri sandali preferiti. Sapevate che ci sono due tipi di pedicure, quello estetico e quello curativo? Vediamo di cosa si tratta e quali sono le loro caratteristiche!

Prendersi cura dei propri piedi in maniera regolare, e non solo quando si avvicina la stagione calda, è importante per avere piedi belli e sani, che ci sorreggano senza sforzo e senza dolore. Sapevate che esistono due tipi di pedicure, che si differenziano per procedimento e finalità? Scopriamo insieme le caratteristiche di pedicure estetico e pedicure curativo, quali sono le differenze tra queste due tipologie e quando preferire una piuttosto che l’altra!

Cos’è il pedicure estetico?

Il pedicure estetico si occupa prevalentemente dell’aspetto esteriore dei piedi e il suo scopo è quindi quello di mantenerli belli e in ordine. Si esegue su piedi che non presentano particolari problematiche, ponendo così tutta l’attenzione sull’aspetto estetico. Ciò non vuol dire, però, che sia da sottovalutare! Un pedicure estetico svolto in maniera regolare, che sia fatto dall’estetista o da voi stesse, permetterà di tenere controllati i piedi e, per quanto possibili, di prevenire inspessimenti, calli, duroni e unghie incarnite.

Leggi anche

Come mettere lo SMALTO AI PIEDI?

Pedicure estetico e pedicure curativo

Chi lo può svolgere?

Trattandosi di una procedura che non deve intervenire su problematiche e che quindi possiamo considerare più semplice rispetto al pedicure curativo, può essere eseguita anche in casa da noi stesse, a patto di usare strumenti adeguati e ben puliti. Ci si può anche rivolgere alla propria estetista di fiducia, che coccolerà i nostri piedi con cure e attenzioni.

Offerta
Scholl Velvet Smooth Roll Pedicure Elettrico Professionale per Pelle Secca, con Minerali Marini
  • Questo Roll professionale grazie alla sua testina elettrica è in grado di eliminare calli e duroni
  • Le testine intercambiabili con micro-particelle abrasive sono rivestite di minerali marini e per...
  • L'impugnatura ergonomica è comoda da usare, grazie alla forma modellata sulla mano

In cosa consiste?

Il pedicure estetico si articola in diverse fasi. La prima cosa da fare è iniziare con un pediluvio tiepido per ammorbidire i piedi e prepararli ai trattamenti successivi. Se è necessario si puliscono le unghie dal vecchio smalto, passandole con un po’ di solvente apposito. Si passa poi a sistemare unghie e cuticole. Le unghie possono essere limate oppure tagliate con tronchesine oppure forbici, ma in ogni caso con grande attenzione, mentre le cuticole dovrebbero essere ammorbidite con oli e prodotti appositi e poi spinte indietro con un bastoncino di legno. Spesso si procede con uno scrub esfoliante, con la rimozione di eventuali inspessimenti della pelle e a volte anche con un bel massaggio ai piedi che scioglierà ogni tensione. L’ultimo step è quello dell’applicazione dello smalto, scegliendo quello che più vi piace.

Offerta
Tagliaunghie Da Podologo, Tronchesino Super Affilate Per Unghie Spesse E Incarnite. Tagliaunghie Per Pedicure In Acciaio Inossidabile. Strumento Professionale Per Pedicure Per Uomo Donna Senior
  • Tagliaunghie per unghie spesse - Mascella larga 1,5 pollici Tagliaunghie grandi per impieghi gravosi...
  • Efficace kit per unghia incarnita - Il correttore dell'unghia del piede adotta la meccanica della...
  • Forte e affilato - Questi strumenti professionali per pedicure sono realizzati in acciaio...

Leggi anche:

GUIDA | I segreti per fare il pediluvio perfetto


Come tagliare le unghie dei piedi?

A questa operazione va dedicata un po’ di attenzione. La cosa migliore è quella di tagliarle dritte, senza tagliarle troppo negli angoli: questo semplice accorgimento dovrebbe evitare che crescendo si infilino sotto alla pelle e diano origine all’unghia incarnita, con tutte le fastidiose conseguenze del caso.

Pedicure estetico e pedicure curativo

Pedicure curativo, cos’è?

Il pedicure curativo si effettua quando ci sono particolari problematiche ai piedi che non rientrano nell’ambito medico, come ad esempio calli profondi, unghie incarnite non infiammate, occhi di pernice e così via. Le verruche, invece, non si trattano con un pedicure curativo ma sarà necessario rivolgersi ad un dermatologo.

Chi può effettuarlo?

Per problemi lievi e non di tipo medico ci si potrà rivolgere con fiducia ad una brava estetista, tenendo conto che potrà intervenire su inspessimenti, calli, duroni e unghie incarnite prima però che l’infiammazione diventi cronica. Per legge, però, le estetiste non si possono occupare di piedi affetti da patologie come ad esempio verruche, ulcere, occhi di pernice e unghie incarnite infiammate. In tutti questi casi è necessario rivolgersi ad un podologo o ad un dermatologo, che hanno una maggiore competenza nell’ambito delle patologie dei piedi e nel caso in cui ce ne sia bisogno possono anche prescrivere farmaci.


Leggi anche:

8 errori da evitare per una pedicure perfetta


In cosa consiste il pedicure curativo?

Anche il pedicure curativo comincia quasi sempre con un pediluvio in acqua tiepida che ammorbidisca la pelle dei piedi. A questo punto la situazione verrà attentamente valutata, prendendo in considerazione il tipo di problema. In caso di calli e duroni verrà valutata la loro posizione e la loro natura, in modo da decidere in che modo intervenire nei confronti dell’ipercheratosi cutanea. Bisognerà comunque procedere con gli strumenti adatti e con grande delicatezza. Se l’estetista valuterà che i calli sono molto profondi dovrebbe rimandarvi ad un podologo o ad un dermatologo, che potrà intervenire in maniera più incisiva utilizzando gli strumenti adatti.

Pedicure estetico e pedicure curativo

Pedicure curativo unghia incarnita, cosa sapere?

L’unghia incarnita, che in termini tecnici si chiama onicocriptosi, si verifica quando la pelle ricopre e ingloba l’unghia, che per vari motivi si trova al di fuori della sua sede naturale. I motivi possono essere tanti, come ad esempio un taglio dell’unghia poco accorto oppure una calzatura troppo stretta in punta. In ogni caso si manifesta con un dolore intenso, a cui segue gonfiore, sanguinamento e produzione di pus. Meglio non temporeggiare ma effettuare subito un pedicure curativo, dato che l’aggravarsi della situazione può portare alla perdita dell’unghia: la figura di riferimento, se la faccenda è già ad uno stadio avanzato, è quella del podologo o del dermatologo.

Tutto ciò che riguarda pedicure estetico e pedicure curativo dovrebbe ora essere più chiaro. Avete dubbi o domande? Fatecelo sapere sui nostri canali social!

Redazione Trucchi.tv 💄

Potrebbe piacerti