Cosa sono le CERAMIDI e quali sono i benefici per la nostra pelle?

Le ceramidi sono molto importanti per la salute e la bellezza della nostra pelle: vediamo cosa sono, quali benefici apportano e in quali cosmetici si possono trovare.

Le appassionate di skincare più attente le avranno già notate nell’Inci delle loro creme preferite: stiamo parlando delle ceramidi, ma sapete esattamente di cosa si tratta? Sono sostanze cerose che si trovano naturalmente nell’epidermide, ma che vengono aggiunte anche nei trattamenti beauty più esclusivi, fungendo da barriera contro le aggressioni esterne e mantenendone l’idratazione. Vediamo tutto quello che c’è da sapere sulle ceramidi!

Cosa sono le ceramidi?

Cominciamo con il dire che non ce n’è un tipo solo: solo sullo strato corneo della nostra pelle, infatti, ne sono stati individuati circa 300 tipi diversi, ma si suppone che in realtà siano molti di più! Quelle maggiormente presenti sulla nostra pelle sono 9 e sono state chiamate per comodità proprio con i numeri da 1 a 9; hanno tra loro differenze lievi.

In generale le ceramidi sono sostanze cerose appartenenti alla categorie dei lipidi: insieme a colesterolo e acidi grassi sono addirittura tra i lipidi fondamentali della barriera epidermica e hanno il compito di garantire il benessere della pelle. Come? Formando una barriera che protegge la pelle dalle aggressioni esterne e impedendo a sostanze potenzialmente dannose di penetrare all’interno; al tempo stesso trattengono l’acqua all’interno dell’epidermide, impedendole di disidratarsi.

Cosa sono le ceramidi e quali sono i benefici per la nostra pelle

L’importanza delle ceramidi per la protezione della pelle

Le ceramidi hanno una grande importanza per la salute (e anche per la bellezza) della nostra pelle: hanno infatti, come abbiamo visto, l’importante compito di impedire all’acqua contenuta nell’epidermide di evaporare troppo rapidamente, causando degli squilibri che portano a problemi cutanei come la semplice disidratazione, ma anche a patologie come dermatite atopica e psoriasi, che hanno tra le loro cause proprio la carenza di ceramidi. In questi casi si può cercare di riequilibrare la situazione con l’uso di prodotti cosmetici che contengono ceramidi.

Il ruolo delle ceramidi per i capelli

Le ceramidi si trovano naturalmente anche nelle unghie e nei capelli e anche in questo caso svolgono un ruolo importante. In particolare, agiscono come unificante della cuticola e della corteccia dei capelli, aiutandoli a ritrovare struttura ed equilibrio dopo aggressioni ambientali provocate da sole, vento, umidità e prodotti chimici troppo aggressivi o non adatti al proprio tipo di capello. Uno shampoo e un balsamo a base di ceramidi vi potranno aiutare a mantenere la chioma sana, lucente e protetta.


Leggi anche:

15 maschere per capelli fai da te: gli ingredienti per una chioma perfetta


L’uso delle ceramidi in ambito cosmetico

Come è facile immaginare, le ceramidi sono molto usate in ambito cosmetico perchè sono in grado di rendere la pelle non solo più sana, ma anche più compatta e luminosa, oltre a proteggerla dalle aggressioni esterne.
Si tratta di principi attivi naturali che quindi difficilmente hanno controindicazioni o danno effetti indesiderati; si trovano principalmente in creme da giorno e in creme con fattore di protezione solare. Le tipologie di ceramidi più usate in ambito cosmetico sono:

  • la ceramide 1, che è quella con la maggiore capacità di trattenere l’acqua nell’epidemide. Viene usata soprattutto in cosmetici che hanno lo scopo di ripristinare la normale barriera lipidica;
  • la ceramide 2, che blocca l’eccessiva evaporazione di acqua dall’epidermide e rende la pelle più elastica. Per questo motivo è particolarmente adatta per le pelli secche e mature;
  • la ceramide 3, quella con il maggior potere nel ridurre le rughe;
  • la ceramide 6 II, che leviga la pelle senza irritarla.

Cosa sono le ceramidi e quali sono i benefici per la nostra pelle

E le ceramidi vegetali?

Le ceramidi usate in ambito cosmetico vengono prevalentemente sintetizzate in laboratorio, ma si possono trovare sia in prodotti di origine animale sia in sostanze di origine vegetale. Le ceramidi vegetali si trovano prevalentemente:

  • nella cera d’api, una sostanza conosciuta già dagli antichi egizi per le sue proprietà emollienti e idratanti. Non solo: è antibatterica, lenitiva, idratante e contribuisce a contrastare l’acne e la comparsa delle rughe. Si usa prevalentemente per unguenti e stick per le labbra;
  • nella lanolina, conosciuta anche come “cera della lana” perchè viene estratta proprio dal vello della pecora dopo la tosatura con una serie di procedimenti che la purificano e la rendono adatta ad un uso cosmetico. Viene usata soprattutto in creme, lozioni, pomate e saponi che rendono la pelle più morbida, idratate e levigata; si può usare su mani e piedi molto secchi e disidratati, su scottature e anche piccole ustioni;
  • nell’olio di jojoba, una cera liquida ottenuta dalla spremitura dei semi della pianta Simmondsia Chinensis, usato fin dall’antichità dai nativi americani. Idrata intensamente la pelle senza ungerla, previene l’invecchiamento cutaneo e lenisce le irritazioni di tessuti e mucose.

Siete pronte a provare qualche cosmetico con ceramidi? O le avete trovate nell’elenco degli ingredienti delle creme che usate solitamente?

Redazione Trucchi.tv💄