BENDAGGI GAMBE | Drenanti, riducenti o anticellulite?

Vi sentite le gambe gonfie e pesanti? La prima cosa da fare è rivedere le proprie abitudini quotidiane, poi si possono provare i bendaggi gambe, un prezioso alleato per gambe snelle e leggere.

Nel periodo estivo è facile sentirsi le gambe gonfie e pesanti: in questo caso è possibile avere un po’ di sollievo grazie a dei bendaggi gambe, che migliorano la circolazione e riducono il gonfiore. Ma come eseguirli in maniera efficace e come trovare il più adatto alle proprie esigenze?

Come funzionano i bendaggi gambe

I bendaggi per la gambe non servono solo ad alleviare il gonfiore in estate: anche nel corso dell’anno tacchi alti, vita sedentaria o qualche cattiva abitudine ci possono portare ad avere gambe gonfie, pesanti e con un po’ di cellulite. Per minimizzare il fastidio e ridurre gli inestetismi un bendaggio gambe è un alleato prezioso. Per eseguirlo, le zone interessate vengono avvolte con apposite garze impregnate da principi attivi specifici; queste bende dovranno essere aderenti ma non esercitare una compressione eccessiva, altrimenti provocherebbero l’effetto opposto. Si può sfruttare l’effetto del caldo o del freddo, in base alle proprie preferenze e al problema su cui si vuole andare ad agire:

  • i bendaggi a caldo sono la scelta giusta per stimolare il metabolismo, migliorare la circolazione e l’ossigenazione dei tessuti. Sono particolarmente indicati in casi di cellulite e adiposità localizzate;
  • i bendaggi a freddo favoriscono il drenaggio dei liquidi. La loro azione vasocostrittrice aiuta a contrastare gonfiore e pesantezza e ha una funzione rassodante.

Leggi anche:

FANGHI ANTICELLULITE | Come usarli per combattere la ritenzione idrica?


Drenante, riducente o anticellulite?

Pur sfruttando lo stesso meccanismo, i bendaggi gambe non sono tutti uguali. Bisogna infatti fasciare le gambe (ed eventualmente anche glutei e fianchi) con delle apposite bende imbevute con sieri e principi attivi che svolgono alcune funzioni specifiche:

  • lipolitica e riducente;
  • drenante, efficace contro la ritenzione idrica;
  • anticellulite grazie alla stimolazione del microcircolo.

Bendaggi gambe drenanti, riducenti o anticellulite

Bendaggio drenante gambe, di cosa si tratta

I bendaggi gambe drenanti sono indicati per chi soffre di ritenzione idrica e gonfiore, una situazione che si manifesta quando le cellule tendono a trattenere liquidi e tossine, con un’influenza negativa sulla circolazione venosa e linfatica. Tra le cause della ritenzione idrica, oltre ad una certa predisposizione, ci sono anche uno stile di vita molto sedentaria, il sovrappeso, una dieta non equilibrata e un consumo eccessivo di alcol e caffè. Agire su questi fattori è certamente necessario per contrastare efficacemente la ritenzione idrica, ma i bendaggi drenanti rappresentano sicuramente un ottimo alleato, oltre a donare sollievo immediato. In genere si tratta di bendaggi freddi che sfruttano il fenomeno della vasocostrizione e le proprietà di principi attivi naturali in grado di restringere i capillari e decongestionare la zona. Spesso svolgono anche un’azione rassodante, un plus non da poco! Tra i principi attivi più usati per i bendaggio gambe gonfie efficace ci sono i sali di Epsom, un particolare sale di origine inglese che svolge un’azione depurativa, sgonfiante e rilassante sulla muscolatura. Possono essere usati sia a freddo che a caldo o anche disciolti semplicemente nella vasca per un bagno depurativo e rilassante.


Leggi anche:

Sali di Epsom: le proprietà, i benefici e come usarli


Bendaggi gambe drenanti e anticellulite

In molti casi i bendaggi drenanti hanno un effetto positivo anche sulla cellulite grazie alla riduzione del gonfiore e all’eliminazione delle tossine. Anche in questo caso, la prima cosa da fare sarebbe intervenire sul proprio stile di vita, ma un bendaggio gambe gonfie può sicuramente aiutare, soprattutto se seguito da un massaggio che stimoli ulteriormente la circolazione.

Bendaggi gambe riducenti e lipolitici

Se l’esigenza è quella di ridurre di qualche centimetro la circonferenza della gambe si possono provare i bendaggi lipolitici e riducenti, che sfruttano il calore e il conseguente fenomeno della vasodilatazione per ottenere alcuni effetti:

  • aumentare il metabolismo delle cellule adipose;
  • stimolare il microcircolo;
  • migliorare l’afflusso sanguigno;
  • ossigenare i tessuti;
  • migliorare l’assorbimento dei principi attivi;
  • svolgere un’azione rassodante.

Certo, dai soli bendaggi riducenti non bisogna aspettarsi miracoli, soprattutto se non vengono associati ad una corretta alimentazione, ad uno stile di vita sano e ad una moderata attività fisica.

Bende Imbevute Gel al Sale del Mar Morto 250 ml - Benda Monouso Gel con 30% Sali del Mar Morto - Contro Cellulite, Adipe - Alta Concentrazione - Disintossicante e Linfodrenante (Sale del Mar Morto)
  • Contenuto: 2 Bende da 10 Metri (250ml)
  • Principi attivi: Sale del mar morto, composto iodato.
  • Non contiene Parabeni, Petrolati, Allergeni da Profumi, Oli Minerali

Ogni quanto fare i bendaggi gambe?

Di certo vi starete chiedendo ogni quanto fare un bendaggio gambe gonfie. Che vi rivolgiate ad un centro estetico o che puntiate su un bendaggio drenante gambe fai da te, l’ideale sarebbe sottoporsi ad un trattamento una volta alla settimana oppure ogni dieci giorni per almeno due mesi; in certi casi, però può essere consigliato fare bendaggi più frequenti, anche un paio alla settimana. In questo potrà essere uno specialista a consigliarvi per il meglio, valutando caso per caso la situazione. Ogni bendaggio dovrebbe durare circa 45 minuti e dà il meglio se seguito da un bel massaggio.

Avete mai provato i bendaggi gambe? Come è andata? Fatecelo sapere sui nostri canali social!

Redazione Trucchi.tv💄