Quando scade la CREMA SOLARE?

Al ritorno da una vacanza o prima di partire per il mare vi sarete sicuramente chiesti quando scade la crema solare. Vediamo quando è il caso di riutilizzarla e quando invece è meglio evitare?

Che si vada al mare o in montagna, tutti gli anni ci si pone la stessa domanda: quando scade la crema solare? È possibile finire il flacone aperto la scorsa estate? Oppure è possibile conservare quello appena inaugurato fino alla prossima vacanza? È davvero raro che le creme di protezione solare finiscano esattamente con il concludersi della bella stagione, lasciandoci con molti dubbi e domande, oltre che con il beauty case pieno di creme solari usate a metà che non ci decidiamo a buttare ma che non ci fidiamo ad utilizzare di nuovo. Cosa sapere su questo argomento?

Le creme solari hanno una scadenza?

Cominciamo dalle basi: ogni cosmetico che viene a contatto con la nostra pelle o con i nostri capelli non ha un vera e propria data di scadenza, ma guardando bene sulla confezione potrete trovare il PAO, ovvero un numero accompagnato dal disegnino di un barattolo aperto. Questo acronimo significa Period After Opening, cioè periodo dopo l’apertura, e indica il numero di mesi in cui il nostro prodotto, se ben conservato, manterrà inalterate le sue proprietà dopo averlo aperto.
Di solito il PAO delle creme solari è fissato a 12 mesi, oltre i quali il produttore non garantisce più l’efficacia del prodotto. Non vi basterà però ricordare quando il prodotto è stato aperto: dovrete anche assicurarvi di averlo conservato nel migliore dei modi prima di decidere di utilizzarlo ancora.


Leggi anche:

Cos’è il Pao e come conservare i cosmetici dopo l’apertura?


Come conservare correttamente le creme solari

Le creme solari in genere hanno vita dura: vengono in spiaggia con noi e non di rado vengono dimenticate sotto al sole oppure al caldo in auto. Il caldo intenso, gli sbalzi termici, la luce diretta del sole e i suoi raggi, però, possono pregiudicare l’integrità e l’efficacia della nostra protezione solare, come anche l’abitudine di aprirla e chiuderla molto frequentemente oppure di lasciarla aperta dopo l’utilizzo. Come fare? Per quanto possibile, dovreste cercare di tenere la crema solare all’ombra anche in spiaggia e di non lasciarla in macchina esposta alle alte temperature. Una volta a casa, meglio conservare le creme in un posto fresco e asciutto, lontano dalla luce diretta. Il bagno, con la sua umidità, non è il luogo più adatto e nemmeno il frigorifero, anche se applicare la crema ben fresca sulla pelle potrebbe sembrare una buona idea. In questo modo, infatti, sottoporremo la nostra crema a sbalzi di temperatura che potrebbero comprometterne l’efficacia ben prima dei canonici 12 mesi (o comunque quelli indicati sulla confezione).

Leggi anche

BEAUTY CASE TERMICO | Di cosa si tratta e a cosa serve?

Quando scade la crema solare

Alcuni consigli per capire se la crema è ancora utilizzabile

La vostra crema solare rientra ancora nel “periodo di sicurezza” del PAO ma vi state chiedendo se potete ancora utilizzarla senza rischi per la salute della vostra pelle? Ci sono alcuni fattori che possiamo controllare prima di decidere se infilare il flacone nella borse per la montagna, per il mare o per la piscina:

  • la consistenza della crema è acquosa o comunque diversa da quella che ricordavate? Oppure i suoi componenti si sono separati? Meglio buttare via il prodotto…
  • l’odore è rancido, sgradevole o molto diverso da quello originale? Meglio non rischiare!
  • il colore è cambiato? Anche in questo caso, meglio evitare di applicare il prodotto sulla pelle.

Leggi anche:

Come funzionano le creme solari?


Fa male usare una protezione solare scaduta?

Se la nostra crema solare è ormai oltre il PAO ma colore, odore e consistenza sono ancora buoni, potremmo essere tentate di utilizzarla comunque. Usare un prodotto dermocosmetico scaduto non è rischioso in sé: il pericolo di avere reazioni cutanee avverse è davvero basso. Il rischio reale è che l’efficacia del prodotto come protezione dai raggi UV sia diminuita o nulla e che quindi non protegga più la pelle dal sole correttamente. Scottature, eritemi, macchie solari e danni a lungo termine come fotoinvecchiamento e tumore della pelle potrebbero essere dietro l’angolo: meglio non rischiare e comprare un nuovo flacone di crema solare, magari di dimensioni più contenute per limitare le possibilità di avanzarla!

Quando scade la crema solare


Leggi anche:

CREME SOLARI | Sono meglio i filtri chimici o quelli fisici? Ecco cosa sapere


Come usare la crema solare scaduta?

La vostra crema solare è scaduta ma vi sembra ancora in ottime condizioni? Abbiamo visto che non è comunque il caso di utilizzarla di nuovo per proteggere la pelle dal sole, ma non è strettamente necessario buttarla. Ci sono alcuni modi per utilizzarla fino a finire il flacone:

  • come crema per il corpo da applicare dopo il bagno o la doccia: anche se ha perso la sua capacità protettiva nei confronti dei raggi UV, mantiene le sue proprietà idratanti;
  • come scrub per il corpo aggiungendovi la giusta quantità di zucchero di canna oppure di sale grosso. Per uno scrub anticellulite provate ad aggiungere i fondi di caffè!
  • la crema solare scaduta si può usare anche per la pulizia della casa: provate a usarla per pulire divani, borse e oggetti in pelle. Prima però ricordatevi di fare una prova in una piccola zona poco visibile, dato che all’interno dei cosmetici spesso ci sono molti ingredienti e qualcuno di questi potrebbe macchiare il vostro oggetto.

Ora l’argomento dovrebbe essere più chiaro. Avete dubbi o domande? Fatecelo sapere sui nostri canali social!

Redazione Trucchi.tv 💄

Potrebbe piacerti