ACQUA DI RISO CAPELLI | Come usarla per una chioma splendente?

L'acqua di riso per i capelli è un rimedio antico che viene dal lontano Giappone. Vediamo di cosa si tratta e come utilizzare questo rimedio naturale per avere una chioma sana e lucida.

Non sempre sono gli ultimi ritrovati della scienza ad aiutarci a prenderci cura al meglio della nostra bellezza: ci sono anche rimedi antichi, anzi, antichissimi che tornano alla ribalta per permetterci di prenderci cura di noi stesse nel migliore dei modi. È il caso dell’acqua di riso per i capelli, un gesto di bellezza che arriva dal Giappone e che ora, complici i social, sta conoscendo una nuova fama.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Trucchi.tv (@trucchitv)

Acqua di riso capelli, le origini

Una ricerca condotta nel 2010 dall’International Journal of Cosmetic Science[ 1 ] ha rivelato che il segreto di bellezza delle donne giapponesi dell’epoca Heian, compresa tra i secolo VIII e XII a.C. E
era lo Yu-Su-Ru, cioè l’acqua ricavata dal risciacquo del riso. Questo rimedio permetteva loro di avere capelli lunghi, sani e luminosi e si dice che mantenessero il loro colore naturale anche durante la vecchiaia. I benefici dell’acqua di riso per i capelli sono stati confermati anche dalla cosmetica moderna: pare che possa essere davvero un toccasana per qualsiasi tipo di chioma.


Leggi anche:

SKINCARE COREANA | Le nuove tendenze da provare nel 2021


Le proprietà dell’acqua di riso capelli

Sembra proprio che l’acqua di riso sia in grado di fornire ai nostri capelli gran parte delle sostanze di cui hanno bisogno per crescere non solo forti e sani, ma anche lucidi e morbidi. In più, pare accelerare anche il processo di crescita della nostra chioma. L’acqua di riso contiene infatti una combinazione di antiossidanti, vitamine del gruppo B ed E, vitamina K, minerali, ferro, selenio, magnesio, niacina, acido folico e tracce di pitera, una sostanza prodotta durante la fermentazione del riso. Possiamo trovare anche l’inositolo, una sostanza che conferisce morbidezza alla chioma e la protegge dagli agenti esterni. Inutile dire che questo mix di sostanze benefiche è in grado di migliorare l’aspetto dei nostri capelli nel giro di qualche settimana, dal momento che ha spiccate proprietà antiage e rigeneranti.

Acqua di riso capelli, come usarla per una chioma splendente2

I benefici per i capelli

I benefici dell’acqua di riso capelli sono dimostrati scientificamente: questo antico rimedio, infatti, riesce a ridurre l’attrito superficiale e ad aumentare l’elasticità dei capelli. Il risultato? Una chioma più liscia, più forte e più lucente! I capelli saranno più elastici e più facili da districare, ma anche protetti dagli agenti esterni. L’inositolo, inoltre, è in grado di riparare i danni superficiali dei capelli, donando così una chioma dall’aspetto più sano. L’alta percentuale di amido contenuta nell’acqua di riso, inoltre, contribuisce a proteggere i capelli formando su di essi una sorta di “pellicola” protettiva che ricopre il fusto del capelli, rendendolo più forte e più spesso. Anche il cuoio capelluto può beneficiare delle proprietà benefiche dell’acqua di riso, che lenisce le irritazioni e stimola i follicoli.
Non solo per i capelli: l’acqua di riso si può usare anche per ammorbidire e rassodare la pelle del viso e del corpo. In questo caso è in grado anche di attenuare le cicatrici e ridurre le rughe.


Leggi anche:

14 falsi miti sulla cura dei capelli a cui non credere più


Entra a far parte della community di Trucchi.tv
Iscriviti subito al gruppo privato su Facebook!

Come si ottiene l’acqua di riso?

Per provare questo rimedio naturale per i capelli avete bisogno di due soli ingredienti, molto facili da reperire: acqua e riso. I metodi per preparare l’acqua di riso sono diversi: alcuni usano il riso a crudo, altri invece prevedono di farlo bollire. Uno dei più comuni, però, consiste nel versare due tazze di acqua e mezza di riso in una bacinella, lasciare in ammollo per una mezzora e mescolare fino a che l’acqua non apparirà torbida. Questi gesti permetteranno al riso di rilasciare amido, vitamine, minerali e sostanze nutrienti. Ora potete lasciare il composto per 12 o 24 ore prima di scolare il riso e raccogliere il liquido ottenuto in un contenitore ermetico, da conservare in frigorifero per tre giorni al massimo. Non preoccupatevi se l’odore risulta un po’ aspro, è dovuto semplicemente alla fermentazione del riso.

Acqua di riso capelli, come usarla per una chioma splendente3

Come si usa l’acqua di riso sui capelli?

In origine l’acqua di riso era usata solo come risciacquo finale, ma oggi può essere utilizzata anche come shampoo.
Per usare l’acqua di riso come shampoo è necessario diluirla leggermente con un po’ di acqua e versarne una piccola quantità sui capelli umidi, massaggiando leggermente il cuoio capelluto con la punta delle dita per qualche minuto. Bagnate poi completamente i capelli fino alle punte con l’acqua di riso, lasciate agire e sciacquate con un po’ di acqua tiepida oppure fredda. La cosa migliore, a questo punto (se la stagione lo consente) sarebbe quella di lasciare asciugare i capelli naturalmente, altrimenti fate attenzione a non avvicinare troppo il phon ai capelli, in modo da non sottoporli ad un calore eccessivo.
Se invece volete usare l’acqua di riso come risciacquo finale, diluitela con un po’ di acqua, massaggiatele sul cuoio capelluto e lasciate in posa per una decina di minuti prima di procedere ad un abbondante risciacquo. Un’altra opzione prevede di vaporizzare l’acqua di riso sulla chioma dopo averla lavata con il consueto shampoo e lasciarla in posa per mezzora prima del risciacquo. Questo è un trattamento super nutriente che può essere ripetuto anche un paio di volte alla settimana.

Siete curiose di provare l’acqua di riso capelli? Fateci sapere come è andata sui nostri canali social!

Redazione Trucchi.tv💄

NOTE


1. International Journal of Cosmetic Science, The effect of rinse water obtained from the washing of rice (YU-SU-RU) as a hair treatment