Gluconolattone nei cosmetici: cos’è e a cosa serve

Tra gli ultimi ritrovati nel mondo della cosmesi, che è in continua evoluzione, possiamo trovare anche il gluconolattone. Scopriamo insieme tutto quello che c'è da sapere su questo innovativo ingrediente!

Il mondo della cosmesi è in continua evoluzione e non è raro che vengano scoperti nuovi componenti oppure vengano prese in considerazione alcune proprietà diverse di componenti già noti. Questo ci permette di avere cosmetici e prodotti sempre più innovativi ed efficaci, in grado di rispondere davvero ad ogni esigenza. Scopriamo ad esempio tutte le proprietà e le caratteristiche del gluconolattone, un elemento innovativo che viene usato prevalentemente per le sue proprietà idratanti e delicatamente esfolianti.

Gluconolattone, cos’è esattamente?

Il gluconolattone, chiamato anche glucono delta lattone, è un elemento che appartiene alla famiglia dei polidrossiacidi. Si tratta di un prodotto naturale che si può produrre a partire dalla fermentazione del glucosio contenuto nei vegetali e che si presenta sotto forma di polvere cristallina e inodore che si scioglie in acqua.

Gluconolattone nei cosmetici

Le proprietà idratanti

Il gluconolattone è molto usato in ambito cosmetico per il suo potere idratante a lungo termine. Le molecole di cui è composto il gluconolattone, infatti, sono particolarmente attratte dall’acqua: quando viene applicato sulla pelle, quindi, tende ad attirare l’umidità dell’aria e permette così alla pelle di assorbirne l’acqua ottenuta, ottenendo un effetto al tempo stesso idratante e lenitivo. Non è tutto: il gluconolattone, infatti, forma una specie di barriera protettiva sulla pelle che previene l’evaporazione dell’acqua, impedendo così la disidratazione. Proprio per queste proprietà, il gluconolattone è usato anche come ingrediente di creme idratanti, lozioni per il corpo e balsami per capelli.

Il gluconolattone come esfoliante

Applicato sulla pelle, il gluconolattone esercita una delicata azione esfoliante che lascia la cute luminosa e stimola la rigenerazione cellulare. La sua azione è molto più delicata rispetto a quella dei tradizionali alfa-idrossiacidi, quindi risulta più adatta per le pelli delicate e sensibili.


Leggi anche:

Tutto quello che c’è da sapere sugli acidi della frutta per la bellezza


Altri usi di questa sostanza in ambito cosmetico

Ricerche abbastanza recenti evidenziano anche altre proprietà benefiche del gluconolattone per la pelle, come ad esempio quella di schermare i raggi UV, anche se creme e prodotti contenenti questa sostanza non sostituiscono una buona protezione solare. Svolge inoltre una efficace azione antiossidante che ritarda i processi di invecchiamento cutaneo e stabilizza la produzione di sebo della pelle. Può svolgere infine un’azione schiarente ed è in grado di ridurre linee sottili, discromie cutanee, pori dilatati e piccole rughe. Grazie alla sua delicatezza e al fatto che non presenta effetti collaterali, se non in caso di allergie, è adatto anche ad essere usato nelle formulazioni di prodotti dedicati alle pelli sensibili e delicate.

In quali prodotti possiamo trovarlo?

Possiamo trovare il gluconolactone impiegato principalmente in alcune categorie di prodotti usati comunemente per prenderci cura del nostro corpo e della nostra bellezza. In particolare si può trovare in:

  • creme idratanti e antiage;
  • prodotti esfolianti e uniformanti;
  • depigmentanti;
  • doposole;
  • deodoranti;
  • shampoo e balsami per capelli.

Le percentuali di questa sostanza utilizzate vanno dal 2 al 15% in base al tipo di prodotto in cui viene inserito.

Conoscevate già il gluconolattone? È presente in alcuni dei prodotti che usate abitualmente? Fatecelo sapere sui nostri canali social!

Redazione Trucchi.tv