POROSITÀ DEI CAPELLI | Come riconoscerla e quali prodotti usare?

La porosità dei capelli è uno dei fattori che dovremmo considerare quando scegliamo prodotti e trattamenti per la nostra chioma. Ma come capire qual è la porosità dei nostri capelli?

Tra le caratteristiche che rendono unici i nostri capelli e che dovrebbero determinare quali sono i prodotti migliori per curarli c’è anche la porosità dei capelli. Spesso però questa caratteristica viene un po’ trascurata, dal momento che non se ne parla spesso. Di cosa si tratta, cosa significa e come determinare qual è la porosità dei nostri capelli? Scopriamolo insieme!

Cos’è la porosità dei capelli?

La porosità capelli indica come le cuticole aderiscono al fusto del capello e alla capacità del capello stesso di trattenere l’acqua. Questo fattore, in particolare, almeno in parte determina la tipologia di prodotti per capelli che sarebbe meglio usare per il proprio tipo di capello e le cure che dovremmo dedicare alla nostra chioma.

Porosità capelli

Capelli con porosità normale

Una normale porosità dei capelli indica che non ci sono criticità o problemi di cui preoccuparsi, almeno su questo fronte specifico. A porre i maggiori problemi, infatti, sono i capelli con porosità alta o bassa.


Leggi anche:

Le migliori spazzole per capelli per chiome sempre in ordine


Capelli con bassa porosità

I capelli con bassa porosità presentano cuticole molto chiuse e aderenti al fusto del capello: questo rende i capelli molto compatti e nel complesso la chioma appare sana, forte e lucente. Il rovescio della medaglia, però, è che nei capelli scarsamente porosi l’umidità stenta a penetrare e questo rende più difficile trarre il meglio anche dai vari trattamenti a cui li sottoponiamo. Le sostanze che applichiamo sui capelli, poi, tendono a depositarsi sopra di essi: questo tipo di chioma ha quindi lo svantaggio di sporcarsi facilmente.

I prodotti e le cure per capelli con bassa porosità

Viste queste caratteristiche, la cosa migliore sarebbe usare su questo tipo di capelli dei prodotti che contengano ingredienti idratanti e umettanti, come ad esempio l’aloe vera o il miele, che possano attrarre e trattenere l’umidità dei nostri capelli, e balsami ricchi di acqua e di sostanze idratanti. Data la loro tendenza ad appesantirsi, meglio poi prediligere prodotti leggeri, che contengano quantità minime di oli e di burri che potrebbero ungere eccessivamente la chioma.
Un consiglio per sfruttare al meglio i trattamenti per capelli? Avvolgete i capelli con un asciugamano tiepido e umido, in modo da aprire le cuticole e far così penetrare al meglio i principi attivi che andrete ad applicare successivamente. Proprio per questo motivo può essere utile anche sciacquare i capelli con acqua tiepida e mai bollente, in modo da non stressare i capelli ma mantenere le cuticole leggermente aperte prima del trattamento.

Porosità dei capelli, come riconoscerla e quali prodotti usare

Capelli con alta porosità

I capelli porosi, al contrario, tendono ad avere le cuticole molto aperte e proprio per questo motivo assorbono facilmente l’umidità, anche se poi possono faticare a trattenerla. Questa condizione potrebbe essere congenita oppure essere il risultato di trattamenti troppo aggressivi o di un uso eccessivo e scorretto di phon e piastra: in ogni caso, il risultato è una chioma secca e stopposa, dall’aspetto crespo e che spesso tende ad aggrovigliarsi facilmente. I capelli, inoltre, sono in genere fragili e tendono a spezzarsi quando vengono spazzolati.

I prodotti per i capelli con alta porosità

L’obiettivo principale, quando si ha a che fare con i capelli porosi, è quello di far richiudere le cuticole, in modo da avere un capello più robusto, più sano e più lucente. Sono adatti per questo tipo di capelli i balsami leave-in, cioè che non devono essere sciacquati, meglio ancora se a base di proteine dell’azione riparatrice, ma anche i prodotti idratanti e sigillanti, che contribuiscono a mantenere i capelli idratati.
Si possono usare anche oli e burri, che contribuiscono a rendere la chioma più morbida e pettinabile: tra questi possiamo ricordare l’olio di cocco, l’olio di oliva, l’olio di ricino o il burro di karitè, che daranno il meglio se usati come impacchi pre-shampoo sui capelli molto umidi.


Leggi anche:

CURLY GIRL METHOD| I prodotti leave-in migliori da provare


Test porosità capello, ecco come effettuarlo

Molte di voi adesso si staranno chiedendo come capire qual è la porosità dei propri capelli per curarli e trattarli come meritano e per mantenerli al massimo della loro bellezza. C’è un test porosità capello che si può fare anche a casa: è molto semplice, ma il suo risultato ci può fornire indicazioni utili e abbastanza precise. Prendete alcuni dei vostri capelli quando la chioma è pulita e immergeteli in una tazza di acqua. Dopo 2-4 minuti come si presentano?

  • se i capelli fluttuano sulla superficie dell’acqua sono a bassa porosità;
  • se si sono adagiati sul fondo sono ad alta porosità;
  • se sono a mezza altezza la loro porosità è normale.

TEST POROSITÁ CAPELLI

Avevate già sentito parlare di porosità capelli? Avete già fatto il test? Fatecelo sapere sui nostri canali social!

Redazione Trucchi.tv 💄

Potrebbe piacerti